Quanto dovrebbe costare un sito? Una guida per scegliere consapevolmente

Quanto potrà costare realizzare il sito per la mia azienda, €500, €1.000, €5.000, €30.000, 1.000.000 di Euro !?
Proviamo a pensarla in un modo più facile. Quanto può costare una macchina?
Una panda, vecchio modello, la posso trovare usata anche per 1.000€ mentre una Lamborghini Veneno può costare oltre 4 Milioni di Euro!
Eppure tutte e due fanno più o meno le stesse cose, ti possono portare in giro, hanno 4 ruote, un volante, un motore ecc.... 

Cosa fa cambiare i prezzi di così tanto?

Image

Nel mondo del web le cose funzionano più o meno come nel mondo delle auto, possiamo trovare dei siti realizzabili per pochi Euro come siti che possono arrivare a costare Milioni di Euro. 

Spesso capita che quando di apre una attività o si vuole migliorare e diversificare il proprio business si inizi a pensare a tutte quelle funzionalità utili che abbiamo visto su certi siti e che, leggermente modificate, potrebbero tornarci utili. 

Si iniziano a fare piani grandiosi su quello che l'utente dovrebbe trovare e cosa potremmo fare per poi ritrovarsi a sbattere la faccia contro la dura realtà quando iniziano ad arrivare i primi preventivi.

Come possiamo orientarci per poter scegliere, in modo informato, quello che fa per noi se ci sono così tante scelte? 

In questo articolo vedremo, sinteticamente, quali siano i passi da seguire e i fattori da considerare per avvicinarsi al compromesso ideale tra quello che sogniamo di fare e  il nostro potenziale budget di spesa.

Cercare di indovinare il costo di un sito può spesso essere una futile perdita di tempo.

Facciamo finta che tu sia una piccola boutique di sartoria che vuole iniziare a vendere le proprie creazioni online.

Nel cercare di indovinare quanto possa costare creare il tuo sito web potresti trovarti a cercare di rispondere ad alcune delle seguenti domande:

  • Ho realmente bisogno di un web designer?
  • Dovrei scegliere un designer o uno sviluppatore e quanto possono costarmi se li scelgo magari in paesi in via di sviluppo?
  • Dove posso trovare buoni designer e sviluppatori?
  • Quante ore di lavoro possono servire per creare il mio sito, 100 ore, 1000 ore?
  • Alla fine otterrò veramente quello per cui sto pagando?
  • Capiranno realmente cosa mi serve e quale sia la mia idea?
  • Come posso sapere se sono persone serie, se non le conosco nemmeno?
  • Cosa succede se non sono soddisfatto del lavoro, potrò avere i miei soldi in dietro?
  • Non ho un grande budget a disposizione, sarà sufficiente a creare un sito che funzioni per il mio business?
  • Esistono tante piattaforme per creare siti, quale sarà quella giusta per me?

Se stai pensando a queste cose e hai difficoltà a trovare le risposte, è il momento di fermarsi un attimo e rivalutare le domande che ti stai facendo.

Questo tipo di domande sono tutte assolutamente legittime ma rischiano di farti stare fermo per mesi in un mondo di dubbi quando dovresti invece prima concentrarti sul capire bene quali siano i tuoi requisiti e la tua strategia di business.

Quando ci avviciniamo ad un settore in cui non abbiamo esperienza può essere una buona idea trovare qualcuno con cui consultarci, qualcuno che possa indirizzarci e farci capire, in modo semplice, alcuni trucchi del mestiere. 

Il tuo primo passo dovrebbe essere cercare un consulente web.

Come trovo un consulente web che non voglia solo portare acqua al suo mulino?

Spesso i consulenti web non sono altro che commerciali travestiti.
Vediamo cosa dovrebbe e cosa non dovrebbe fare un consulente web (se è un vero consulente e non solo un commerciale).

La prima consulenza dovrebbe sempre essere gratuita 
Non importa se la prima consulenza sia fatta per telefono, in video-chiamata o di persona. Lo scopo della prima consulenza dovrebbe essere semplicemente quello di capire quali siano le tue idee e necessità.
Avendo a disposizione la prima consulenza gratuita avete la possibilità di chiederne diverse senza dover necessariamente affidarvi alla prima persona che vi capita.

Farvi domande che vi sembreranno anche scomode
Un consulente web dovrebbe voler capire a fondo il vostro progetto e nel momento in cui nota delle incongruità dovrebbe essere libero di farvele notare. 
Se pensa che non siate pronti ad affrontare certi impegni che alcuni tipi di siti richiedono dovrebbe dirvelo chiaramente. In sostanza dovrebbe essere libero di criticare la vostra idea e fornirvi soluzioni diverse da quelle che vi siete immaginati.

Sconsigliare personalizzazioni eccessive se non sono assolutamente necessarie.
Le personalizzazioni dei flussi di lavoro dei componenti open-source sono tra le cose che fanno aumentare i costi di sviluppo e manutenzione più velocemente. 
Ove possibile un consulente onesto vi indirizzerà sempre sull'adozione di soluzioni preesistenti al fine di farvi avere il massimo delle funzionalità con il minimo della spesa.

Mettere fretta
Se vi offre uno sconto per decidere subito o se cerca di chiudere un accordo vi sta solo vendendo una soluzione ad un problema che non è nemmeno necessariamente il vostro. Un consulente web avrò la risposta pronta per alcune cose (d'altronde ha visto nascere, crescere e morire tanti progetti) e vorrà invece  prendersi il tempo per riflettere su alcuni argomenti, specie se deve fare una analisi della concorrenza.

Non dare una stima per le future consulenze
Se un "consulente"è solo interessato a chiudere un contratto e non ci è riuscito la prima volta vi offrirà facilmente altri appuntamenti gratuiti. Infondo è interessato a vendervi il suo prodotto e non a trovare la strada migliore per voi.
Un vero consulente sa che non necessariamente dovrete concludere il progetto con la sua web agency ed è consapevole che se vuole fare quello che è giusto per voi non deve essere legato ad un prodotto specifico. Quindi se avrete bisogno di lui è giusto che ripaghiate il suo tempo e il suo impegno.

Il 60% delle attività online sono destinate a fallire - Limitate i rischi

Il mondo del web ha dei comportamenti particolari. Da un lato favorisce la concorrenza ma allo stesso tempo tende ad un oligopolio.

Pensate al mondo dei social, il 70% del traffico su social è generato da Facebook e Instagram (che è di proprietà di Facebook), tutti gli altri si spartiscono le briciole o sono dedicati a settori di nicchia.

Nella messaggistica tutti usano WhatsApp, anche se non è necessariamente la migliore app, mentre Viber, Telegram e altri che hanno portato vere innovazioni si limitano a dividersi una fetta di utenti molto più piccola e molte altre applicazioni eccellenti hanno fallito e sono state dimenticate.

Se abbiamo una nuova idea di business è irrealistico pensare di creare un sito che lavori come Amazon, Facebook o Groupon prima di aver testato la nostra idea e aver accumulato l'esperienza necessaria a gestire un simile impegno.
Sarebbe come decidere di progettare da zero una nuova macchina e voler costruire subito una Lamborghini senza aver mai nemmeno costruito il motore di un tagliaerba. 

Quando si lancia una nuovo progetto online le cose più importanti da fare sono, costruire una base di utenti che possa fornirci i feedback necessari e minimizzare i rischi se le cose non dovessero funzionare.

Spesso non serve avere un sito perfetto, Facebook, Ebay, PayPal, Amazon sono tutti siti che sono partiti con poche chiare funzionalità e, una volta testata la loro idea, sono cresciuti nel tempo.

Il costo di sviluppo di un sito è sicuramente un fattore da tenere in considerazione ma ci sono modi di mitigare questi costi e ottenere dei risultati assolutamente soddisfacenti.

Dopo questo capitolo demoralizzante prendi un bel respiro e vediamo come procedere per realizzare il tuo progetto senza spendere una fortuna.

4 domande da farsi per capire realmente di cosa abbiamo bisogno

Come abbiamo visto il costo per la realizzazione di un sito può variare moltissimo ed è facile, in fase di brainstorming, voler avere moltissime funzionalità senza rendersi conto di quanto possa costare realizzarle. 
Queste domande ti aiuteranno a fare un minimo di chiarezza su quali siano le tue reali necessità.

#1 Quale è un budget realistico che sei disposto a spendere per il tuo sito

Il costo di un sito va al di là del solo design e prima implementazione.
Bisogna tenere a mente i costi di manutenzione, hosting, fix di sicurezza, tempi di gestione etc.

Se per la tua attività sostenere dei costi mensili di almeno 1.000 Euro per il tuo sito non è un problema allora puoi pensare di avvalerti di soluzioni open-source personalizzate per cui avrai bisogno di un contratto di manutenzione da parte di uno sviluppatore.

Se l'ordine di grandezza a te accessibile è invece di 100 o 200 Euro mensili allora piattaforme come WordPress o Joomla in configurazione più o meno standard potrebbero fare al caso tuo. 

Se invece non sei ancora in questa fase della tua attività allora la soluzione più facilmente percorribile è cercare un editor Drag&Drop come Wix, SquareSpace e similari.
Iniziare a pensare in termini di budget mensile semplifica molto l'approccio restringendo il panorama di scelta a qualcosa di più realistico.

#2 Come vuoi gestire il tuo sito?

Vuoi avere pieno controllo sul tuo sito e poter fare tutto da solo o preferisci appoggiarti all'aiuto di un designer/sviluppatore?

Far da se ha degli ovvi vantaggi tra cui rapidità ed economicità, questo a condizione che tu abbia delle risorse interne che abbiano le capacità e il tempo necessario ad occuparsi dell'ordinaria amministrazione di un sito. 

In caso contrario avvalersi di qualcuno che possa gestire il tuo sito può essere la via più semplice da seguire.

Una media impresa che abbia già al suo interno un responsabile informatico potrà facilmente mantenere la gestione del sito in azienda, uno studio dentistico troverà più facile affidare la gestione a un esperto in modo da non doversi occupare di dettagli tecnici che porterebbero via tempo prezioso al loro lavoro.

#3 Di cosa hai realmente bisogno ora e cosa può essere aggiunto in un secondo momento?

Mentre da un lato è fondamentale avere una chiara visione del nostro progetto "finito" dall'altro dobbiamo necessariamente fare una distinzione tra cosa sia immediatamente necessario e quali altre funzionalità sarebbe bello avere.

Iniziare il tuo progetto web volendo tutto e subito è uno dei peggiori errori che puoi fare. Aumentando il livello di complessità aumentano i tempi e i costi di sviluppo.

Quello che ti serve inizialmente è un portale che possa riflettere i punti chiave del tuo modello di business e aiutarti a vedere se possa funzionare nel medio e lungo termine. Se il modello di business è fallace tutte le funzionalità del mondo non renderanno il tuo sito più efficace ma solo più complesso.

Cerca di mantenere le cose più semplici e lineari possibili almeno nelle prime fasi, parla con il tuo sviluppatore di quello che vorresti implementare in futuro in modo che possa predisporre i necessari strumenti per espandere ed integrare il sito senza doverlo ricostruire da zero.

I progetti web muoiono principalmente per 3 motivi:
  • non risolvono un problema reale e ampiamente percepito
  • non si predispongo a rimanere agili e veloci nei cambiamenti
  • si concentrano solo sulle funzionalità e non su come portare traffico al proprio sito

Procedere a piccoli passi veloci è una strategia che ti permette di affinare meglio il tuo modello di business, essere sul mercato in tempi brevi e limitare il fattore di rischio.

#4 Sei in grado di gestire una infrastruttura tecnologica?

Se il tuo sito deve solo portare persone alla tua attività locale allora il problema non si pone nemmeno. Se invece pensi di voler sviluppare dei servizi online e un portale che dovrà reggere a centinaia o migliaia di visitatori giornalieri allora bisogna tenere in considerazione anche i costi e le modalità di gestione di una infrastruttura tecnologica complessa.

Per iniziare appoggiarsi a un hosting classico è normalmente la miglior scelta. 
Quando si arriva ad avere, e te lo auguriamo fortemente, grandi volumi di visitatori dobbiamo per forza iniziare ad implementare una infrastruttura tecnologica in grado di stare al passo con il volume di elaborazione necessario.

Creare una infrastruttura su Amazon (Amazon oggi è il primo fornitore di infrastrutture server al mondo, non è solo i pacchi che ti arrivano a casa) non è particolarmente complicato ma sei sicuro di poter gestire tutto quello che comporta senza distogliere tempo ed attenzione dal tuo vero lavoro?


Con queste domande ti sarai reso conto che se il tuo è un progetto ambizioso ci sono molti aspetti da considerare e che forse, il modo più prudente ed efficace di avviare il business è quello di procedere a piccoli passi.

Il tuo tempo vale e dovresti dedicarlo a ciò che più ti rende

Nel realizzare il tuo sito abbiamo visto che hai 3 vie principali tra cui scegliere:
  • usare strumenti prefabbricati (Wix, SquareSpace ecc)
  • usare piattaforme opensource come Joomla o WordPress
  • sviluppare qualcosa di altamente personalizzato

Mentre nel secondo e terzo caso è ovvio che il modo migliore di approcciarsi sia quello di affidarsi a dei professionisti nel caso di piattaforme come Wix e altre possiamo scegliere di realizzare il nostro sito anche senza l'aiuto di nessuno.
Prima di iniziare a mettere mano alla grafica, ai layout e ai vari plugin sarebbe utile farsi un paio di domande.
  1. Quanto costa il tuo tempo?
  2. Di quanto tempo avrai bisogno per conoscere a fondo la piattaforma?
  3. Sei in grado di creare un design che sia bello, rispetti gli standard di accessibilità e non sia evidentemente un template prefabbricato?

Una volta risposto a queste domande potrai capire come, in alcune occasioni, possa essere utile rivolgersi a un professionista anche nel caso di progetti che saranno semplici e veloci per chi ha già le conoscenze necessarie o decisamente più complicati di quello che ci fanno vedere in pubblicità per chi non ha ancora l'esperienza necessaria.

Mettici alla prova

Richiedi una nostra consulenza gratuita

Mettiti in contatto con noi e richiedi una analisi gratuita di quello che è possibile fare per migliorare la tua presenza online.
Analizzeremo il tuo business e i tuoi concorrenti per creare, nel giro di pochi giorni, un piano di attacco per migliorare la tua posizione e trovare più clienti.

RomaWebMaster
Via dei Foraggi 86
00186, Roma
Mob. +39 320 36 59 318
Tel. +39 06 92 95 6992